“Universo minimo” di Gianluca Conte (Alimede Poesia) al Caffè Letterario di Lecce con l’Associazione Grifondoro

Tag

, , , , , , , ,

univeso-minimo

Giovedì 16 marzo, alle 19.30, presso il Caffè Letterario, via G. Paladini 46, Lecce, si terrà la presentazione della raccolta poetica “Universo minimo” di Gianluca Conte, Alimede Poesia.

Dialoga con l’autore Serena Gatto dell’Associazione Culturale Grifondoro.
Letture di Daniele Boccadamo e Tonia Madaro.

In Universo minimo, la forma/sostanza che sottende l’immaginifico e la molteplicità dell’esistente non possono manifestarsi se non attraverso una lettura intima e profonda del testo, da cui deriva un atto di chiara emancipazione da quella concezione unicamente meccanica e razionale dell’esistenza umana a cui riferiamo e verso cui sovente tendiamo.

Nella presente silloge, ogni cartografia dialettica precostituita viene stravolta, in quanto la dimensione in cui vivono i versi non è convenzionale. Attraverso immagini/figurazioni obliquamente seducenti, scelte con cura, l’autore ci offre una visione poetica/poietica dell’umano e dell’altro dall’umano in cui il confine tra ciò che appartiene al mondo del Reale e ciò che vive esclusivamente nell’immaginato/immaginario non è quasi mai immediato. La visione interna dell’oggetto e l’operato dei soggetti in questione si alterano, soprattutto laddove ogni contenuto è, a sua volta, contenuto dell’altro.

L’universo poetico di Gianluca Conte è inquieto, tagliente; in alcuni frangenti sembra sospendersi in memoriam, eppure scorre incessantemente verso la vita e la molteplicità della sua sostanza e dei suoi attributi.
Metafisico e finemente acuminato, il pensiero più intimo dell’autore si accompagna a un tratto ritmico sistemico e simbolico, in cui le visioni appaiono sottili e nude, sospese come dipinti squarci di esistenza, e danzano, incisive e delicate, in un’alternanza “quasi umana” di circostanze massimamente minime e di estatiche visioni spontanee.

(Dalla nota introduttiva di Antonella Boccadamo)

GIANLUCA CONTE (1972), laureato in Filosofia è poeta e scrittore.
Pubblicazioni

Il pensiero metacreativo. Nuovi percorsi della mente, Musicaos Editore, 2015, saggio; 28 strade ancora, Magazzino di Poesia di Spagine (a cura di Mauro Marino), 2014, raccolta poetica; La boutique della carne/Teste d’osso, Musicaos Editore, 2014, racconti; Carmelo Bene inorganico, Musicaos Editore, 2014, saggio; Cani acerbi, Musicaos Editore, 2014, romanzo, tradotto in inglese con il titolo di Unripe dogs; Danza di nervi, Lupo Editore, 2012, raccolta poetica, vincitrice del Premio PugliaLibre, 2012 nella sezione “raccolta lirica”; Il riflesso dei numeri, Centro Studi Tindari Patti, 2010, raccolta poetica, finalista al concorso nazionale “Andrea Vajola”; Insidie, Il Filo Editore, 2008, raccolta poetica.

Altri scritti dell’autore sono presenti in diverse antologie e sul Web.

Una poesia di Laura Rigoni, in antemprima dalla raccolta “Elementali”, futura uscita per Alimede

Tag

,

img_20151113_221236

Al centro della Terra una rivolta è in atto.
Il calore delle stragi ha tagliato le curve e i piani,
dominando una crosta iperborea, vecchio assillo
di fragili tenenze. E tu, brado muscolo, rivolgi
il sogno nella direzione del regno dei sassafrassi,
dove un finto condottiero traluce e abbaglia.

“Evanescenza” un baleno di prosa poetica di Agnese Missi

Tag

, , ,

 

img_20151028_214427

Mille cerchi sbilenchi compongono l’universo della nostra evanescenza.
Rosso, nero, bianco e grigio sono i suoi colori. Sottili linee si dipartono da spazi sghembi a comporre un infinito reticolato. Galassie sterminate, cui è difficile arrivare.
Il vuoto e il pieno intessono relazioni osmotiche, così come i segni più (+) e meno (–).
E noi siamo un poetico nulla o un mitico pieno.

 

Una poesia di Paolo Caro

Tag

,

Created with Nokia Smart Cam

Nella stanza del cane morto
rileggevi carta bianca
e cantavi – io non so nulla
e per questo sfregavi attimi di vita
ascoltando la Milonga
una danza un po’ scontrosa
delicata ma insidiosa
come un furfante di picche
che agita l’asta al cielo
abbassando gli occhi al suolo
e deglutendo amari succhi
rovinando nella polvere.

La poesia di Gianluca Conte e le canzoni di Luigi Mariano al Fondo Verri di Lecce per “Le mani e l’ascolto 2016-2017”

Tag

, , , , , , ,

lmela016-017-locandina-illustrata

Venerdì 30 dicembre, dalle 19.30
La poesia di Gianluca Conte e le canzoni di Luigi Mariano

Sesto appuntamento de “Le Mani e l’Ascolto” al Fondo Verri, venerdì 30 dicembre, dalle 19.30. In apertura il libro “Universo Minimo” di Gianluca Conte, primo titolo della collana Poesia di Alimede. Dopo Insidie, Il riflesso dei numeri e Danza di nervi, l’autore è giunto alla sua quarta silloge, continuando un percorso di ricerca sospeso tra il lirismo più intimo e l’odierna dimensione spazio-temporale. «L’universo poetico di Gianluca Conte è inquieto, tagliente; in alcuni frangenti sembra sospendersi in memoriam, eppure scorre incessantemente verso la vita e la molteplicità della sua sostanza e dei suoi attributi. Metafisico e finemente acuminato, il pensiero più intimo dell’autore si accompagna a un tratto ritmico sistemico e simbolico, in cui le visioni appaiono sottili e nude, sospese come dipinti squarci di esistenza, e danzano, incisive e delicate, in un’alternanza “quasi umana” di circostanze massimamente minime e di estatiche visioni spontanee».
A seguire Luigi Mariano presenta “Canzoni all’angolo”, undici intense tracce che raccontano l’energia segreta della sua anima più rock. La rabbia, la disillusione amara, il sarcasmo o l’autoironia dei brani più ritmici e movimentati fanno da solida cornice musicale “reattiva” ad emozioni più morbide e struggenti, che trovano sfogo in ballate malinconiche e nostalgiche, autentiche gemme senza tempo, che toccano il cuore e restano dentro a lungo. L’album è dedicato simbolicamente al padre (scomparso due anni fa), rievocato in copertina dalle pedane di legno con cui ha lavorato per una vita e che rappresentano per Luigi le radici da cui partire, da colorare con la propria musica.

“Universo minimo” di Gianluca Conte (Alimede Poesia) a San Donato di Lecce

Tag

, , , , , ,

univeso-minimo

Alimede Poesia e Linea Carsica presentano:
“Universo minimo” di Gianluca Conte.
Dialogherà con l’autore la scrittrice Chiara Cordella
Interverrà il Consigliere Emanuele Dell’Anna

Mercoledì 28 dicembre, ore 18.45
Centro Sociale, via Roma, San Donato di Lecce.

In collaborazione con: Comune di San Donato di Lecce – Settore Cultura

«L’universo poetico di Gianluca Conte è inquieto, tagliente; in alcuni frangenti sembra sospendersi in memoriam, eppure scorre incessantemente verso la vita e la molteplicità della sua sostanza e dei suoi attributi.

Metafisico e finemente acuminato, il pensiero più intimo dell’autore si accompagna a un tratto ritmico sistemico e simbolico, in cui le visioni appaiono sottili e nude, sospese come dipinti squarci di esistenza, e danzano, incisive e delicate, in un’alternanza “quasi umana” di circostanze massimamente minime e di estatiche visioni spontanee».

Dalla nota introduttiva di Antonella Boccadamo

L’Associazione Vele Racconto e il Circolo Culturale Mangianastri presentano “Universo minimo” Reading con l’autore Gianluca Conte

Tag

, , , , , , , ,

univeso-minimo

Venerdì 23 dicembre, ore 20.00, Via Madonna delle Grazie, Copertino (Le)

Reading di poesia: UNIVERSO MINIMO di Gianluca Conte, primo titolo della collana di Poesia di Alimede .

L’Associazione Vele Racconto, in collaborazione con il Circolo Culturale Mangianastri e con la partecipazione di alcuni cari amici sarà felice di conversare con l’autore per scoprire la ricchezza e la complessità di “Universo Minimo”

Interventi musicali Nando Bardoscia.

«L’universo poetico di Gianluca Conte è inquieto, tagliente; in alcuni frangenti sembra sospendersi in memoriam, eppure scorre incessantemente verso la vita e la molteplicità della sua sostanza e dei suoi attributi.

Metafisico e finemente acuminato, il pensiero più intimo dell’autore si accompagna a un tratto ritmico sistemico e simbolico, in cui le visioni appaiono sottili e nude, sospese come dipinti squarci di esistenza, e danzano, incisive e delicate, in un’alternanza “quasi umana” di circostanze massimamente minime e di estatiche visioni spontanee».

Dalla nota introduttiva di Antonella Boccadamo